Nuove regole sulla tassazione dei dividendi per le persone fisiche titolari di partecipazioni qualificate

Con un recente provvedimento (Risoluzione 6.6.2019 n. 56), l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sull’applicazione del regime transitorio della riforma prevista dalla L. 205/2017 in merito alla tassazione dei dividendi percepiti dalle persone fisiche che non svolgono attività di impresa.

Per i dividendi distribuiti alle persone fisiche che non svolgono attività di impresa, dal 2018 la L. 205/2017 ha equiparato la tassazione degli utili qualificati a quella degli utili non qualificati, prevedendo l’applicazione generalizzata della ritenuta a titolo di imposta del 26%.

È stata però introdotta un’apposita disciplina transitoria in base alla quale, per le distribuzioni di utili derivanti da partecipazioni qualificate deliberate dall’1.1.2018 al 31.12.2022 e formatesi con utili prodotti sino all’esercizio in corso al 31.12.2017, continuano ad applicarsi le disposizioni del DM 26.5.2017.

In caso di applicazione del regime transitorio, non si applica la riforma dei dividendi relativi a partecipazioni qualificate prevista dalla L. 205/2017. Pertanto, i medesimi sono imponibili:

  • nel limite del 40%, se formati con utili prodotti sino all’esercizio in corso al 31.12.2007;
  • nel limite del 49,72%, se formati con utili prodotti dopo l’esercizio in corso al 31.12.2007 e fino all’esercizio in corso al 31.12.2016;
  • nel limite del 58,14%, se formati con utili prodotti nell’esercizio in corso al 31.12.2017.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *